La gestione dei Part time verticali

L’Inps, con circolare n. 74 del 04/05/2021 è intervenuta per fornire le nuove modalità operative relative alla gestione dei part time verticali o ciclici e, nello specifico, delle le coperture assicurative e contributive strettamente legate ai periodi lavorati e non. L’articolo 1, comma 350 della Legge n. 178/2020 (Legge di Bilancio 2021) ha infatti specificato che in caso di contratti di lavoro a tempo parziale che prevedono che la prestazione lavorativa sia concentrata in determinati periodi, venga riconosciuta ai fini del raggiungimento dei requisiti di anzianità lavorativa l’intera durata del contratto (rimangono esclusi periodi non lavorati e non retribuiti a seguito di periodi sospensivi del rapporto di lavoro, ad esempio aspettative non retribuite).
Dal 01/01/2021 dovrà quindi essere inviato il flusso Uniemens dei dipendenti assunti con part time verticale anche con riferimento ai periodi in cui questi non abbiano fornito la prestazione lavorativa (conseguentemente all’orario di lavoro concordato) risultando però in forza.

Modalità operative

Come anticipato nell’introduzione normativa, principio cardine è l’invio mensile del flusso Uniemens per tutta la durata del contratto (secondo le specifiche che verranno di seguito illustrate). E’ quindi necessaria la compilazione del foglio presenze e l’elaborazione di un cedolino per ogni mensilità, comprese quelle con periodi senza prestazione lavorativa.
La causale da utilizzare nel foglio presenza in corrispondenza del periodo non lavorato è PTV, di nuova istituzione.
La percentuale part time di riferimento diventa infatti la “percentuale part time mese” presente a pag.2 dell’inquadramento e, per la parte di retribuzioni differite, viene considerato il campo “Tipo riproporzionamento” presente in “Archivi – dipendenti – Retribuzioni differite” che va valorizzato obbligatoriamente con HG al fine di operare la maturazione riproporzionata del rateo stesso.

Aziende che utilizzano le presenze Hunext

In questo caso, come da comunicazione inviata il 15/06/2021, è necessario contattare l’assistenza Presenze per ricevere istruzioni su come configurare i cicli orari che dovranno prevedere specifici orari configurati in modo tale da rilevare le giornate non lavorate per effetto della riduzione dell’orario, distinguendole dalle giornate di riposo.

Aziende che utilizzano il foglio presenze in paghe

Le aziende non utilizzano il sistema di rilevazione Presenze di Hunext ma solamente il Foglio Presenze in Paghe (anche in modalità Web) possono gestire la causale PTV in due modi:

1 – Creazione di un ciclo orario per il rilascio automatico della causale PTV nel foglio presenze
2 – Inserimento manuale della causale PTV nel foglio presenze

1 – Creazione del ciclo orario e rilascio della causale PTV nel foglio presenze in modo automatizzato

  1. Creare un nuovo orario di lavoro da “Archivi” – “Aziende” – “Orario di lavoro”, valorizzando il campo di nuova istituzione “Part-time Vert. non lav.” a 1,  come da immagine seguente.
  2. Creare il ciclo orario per i dipendenti interessati da “Archivi” – “Aziende” – “Ciclo orario”. Nelle immagini seguenti, un esempio di ciclo orario settimanale. Le giornate in cui non è prevista la prestazione lavorativa devono essere valorizzate con il nuovo orario “Part Time Verticale” (che abbiamo identificato col codice 9 nei nostri esempi).

    Nella creazione del ciclo orario ogni giornata va associata a un orario di lavoro. Il sistema Paghe rende disponibili due orari standard, il primo di 8 ore lavorative (codice 1) e il secondo per identificare una giornata non lavorativa diversa dal part-time verticale non lavorato (codice 8). Se il dipendente lavora un numero di ore inferiore a 8 è necessario creare altri orari di lavoro indicando in ciascuno di essi il numero di ore di prestazione previste. Questa operazione si può fare velocemente duplicando l’orario 1 e modificando il numero di ore lavorate (oltre al codice, naturalmente).
    Il personale iscritto alla gestione Sport e Spettacolo (ex Enpals) necessita di un’ulteriore causale per identificare le giornate di riposo. La causale da utilizzare è RIPX, che può essere inserita manualmente nel foglio presenze oppure indicata in uno specifico orario di lavoro da associare alle giornate del ciclo in cui è previsto il riposo del lavoratore.

  3. Collegare il ciclo orario al dipendente da “Archivi” – “Dipendenti” – “Orario di lavoro”.  La tipologia di orario deve essere 1, ossia “orario rappresentato dal ciclo orario aziendale referenziato di seguito“. Indicare quindi il codice del ciclo orario creato in precedenza per associarlo al dipendente.
  4. Il foglio presenze verrà preparato come da esempio seguente: nelle giornata coperte dalla causale PTV (part time verticale) non dovrà sarà presente né la causale TEO né nessun’altra causale!
  5. Impostare la proprietà libera “AP_CEDO_UsaPercPtMese“: Usa la percentuale part-time mensile in sostituzione di quella settimanale per determinare il coefficiente di riproporzionamento per i lavoratori a orario ridotto. La percentuale part time mese verrà utilizzata anche per il riproporzionamento della maturazione dei ratei delle retribuzioni differite. La proprietà può essere impostata al livello desiderato: Globale se vogliamo che valga per tutte le aziende, oppure a livello di singola azienda se vogliamo circoscrivere i suoi effetti. Può essere indicata anche nel singolo dipendente.

2 – Gestione della causale PTV in modo manuale nel foglio presenze

In questo caso la causale PTV verrà inserita manualmente dall’operatore all’interno del foglio presenze in paghe ogni mese. Ove sarà presente la causale PTV non dovrà essere presente né la causale TEO né nessun’altra causale. Rimane valida l’attivazione della proprietà libera descritta al punto 5 del paragrafo precedente.

Aziende con dipendenti iscritti alla gestione Sport e Spettacolo (Ex Enpals)

Oltre ai punti già descritti sopra, per questa gestione è necessario individuare i giorni di riposo che andranno valorizzati con tipo copertura “0” nell’Uniemens. Per fare questo è necessario procedere come segue:
1 – “Tabelle” – “Rilevazione presenze” – “Gruppi di causali”: aprire con la matita il gruppo “YPAG-RIP” e selezionare la causale “RIPX” nella lista e aggiungerla con l’icona +.

2 – Aggiungere un’orario di lavoro individuato come “Giornata di riposo” valorizzando con la causale RIPX il campo “Causale giorno di Riposo”

3 – Comporre il ciclo orario come descritto nel punto 2 precedente e associarlo al dipendente (come da punto 3 precedente) includendo anche il giorno di riposo.
Se si opererà manualmente nel foglio presenze la causale RIPX, così come la causale PTV, andrà indicata solo in assenza di teorico (causale TEO).

Casistiche particolari

Evento di Malattia in caso di part time verticale.
Nel caso in cui un dipendente part time verticale risulti assente a causa di un evento di malattia, si deve prestare particolare attenzione alla gestione della stessa. In fase di elaborazione della pratica la procedura, per determinare le giornate di integrazione azienda, verifica la presenza del teorico sulla singola giornata. E’ necessario quindi verificare la valorizzazione del campo “Usa orario dell’evento” presente in “Archivi – dipendenti – Retribuzioni indennizzate”: se “1 – usa orario di lavoro definito nell’evento” si deve verificare che la tabella contrattuale collegata presenti in pag. 5 un orario alternativo definito. Se le giornate non sono compilate con un numero di ore, è necessario creare una tabella ad hoc per i part time verticali ed indicarvi in modo esplicito il numero di ore giornaliere e collegare la stessa al dipendente.

Il Part time Verticale in Uniemens

  • Intera settimana in PT verticale (non lavorata): la settimana avrà tipo copertura “D” . Nell’archivio Emens in Paghe corrisponde al tipo copertura 3 “solo diritto (Part time verticali)“.
  • Settimana parzialmente lavorata: non verrà indicato il tipo copertura “D” ma la copertura sarà ordinaria
  • Mese totalmente non lavorato in forza del PT verticale: le settimane avranno tutte tipo copertura “D” e verrà utilizzato il <TipoLavStat> “DR00
  • Mese parzialmente interessato da tempo non lavorato a motivo del part-time perché intervenuta cessazione del rapporto di lavoro: la valorizzazione delle settimane con tipo copertura “D” dovrà avvenire solo per le settimane in cui il dipendente è stato in forza ma non lavorate per part time. Verrà utilizzato il <TipoLavStat> “DR00
  • Mese totalmente privo di prestazione lavorativa, composto da tempo non lavorato in ragione del part-time e di periodi di aspettativa o di altro congedo non retribuito privo di tutela figurativa (causali di tipo XASI): dovranno essere valorizzate solo le settimane non lavorate in ragione del PT verticale (tipo copertura “D”) e non dovranno essere valorizzate quelle non coperte da tutela figurativa. Verrà utilizzato il <TipoLavStat> “DR00

Lavoratori ex Enpals: per questi lavoratori l’esposizione del tipo copertura avviene in corrispondenza delle giornate:

  • Tipo copertura D: per giornata non lavorata in ragione del pt verticale (causale PTV nel foglio presenze)
  • Tipo copertura 0: per giornata di risposo. Nel foglio presenze deve essere indicata la causale RIPX o altra causale inserita nel gruppo di causali “YPAG-RIP”.