Rateizzazione modello F24

Introduzione normativa

Il D.L. n. 104/2020 in vigore dal 15.08.2020, ha introdotto un’ulteriore dilazione dei versamenti già sospesi a seguito dell’emergenza COVID-19 per i mesi di marzo, aprile e maggio 2020 (art. 126 e 127 del D.L. 34/2020 c.d. Decreto Rilancio). Con la Circolare n. 25/E del 20 agosto 2020, l’Agenzia delle Entrate ha sintetizzato le opzioni di versamento indicate nel decreto. Ciascun contribuente beneficiario della sospensione potrà, secondo la propria libera scelta, effettuare i versamenti inizialmente sospesi:

  1. In un’unica soluzione entro il 16 settembre 2020;
  2. Rateizzando l’intero importo sospeso in massimo quattro rate mensili di pari importo a partire dal 16 settembre 2020;
  3. Versando il 50 per cento delle somme oggetto di sospensione in un’unica soluzione entro il 16 settembre 2020 o, in alternativa, in massimo quattro rate mensili di pari importo a partire sempre dal 16 settembre 2020; il restante 50 per cento in una o più rate mensili di pari importo (massimo 24 rate) con il versamento della prima entro il 18 gennaio 2021.

Con i messaggi 2871 del 20/07/2020 e 3274 del 09/09/2020, l’INPS ha specificato le modalità operative per il versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali sospesi. Nel dettaglio, nel caso si opti per la rateazione anche del 50% in una o più rate a partire dal 16/09/2020 (quindi oltre alla scelta del 100% in 4 rate già prevista), le colonne della sezione INPS del modello F24 rateizzato devono essere compilata secondo le seguenti modalità:

  1. Causale contributo deve essere indicato il codice contributo “DSOS“;
  2. Matricola Inps deve essere esposta la matricola aziendale seguita dallo stesso codice utilizzato per la sospensione (N966, N967, N968, N969, N970, N971, N972, N973);
  3. Periodo dal/Periodo al va inserito il periodo oggetto della sospensione;
  4. Importi a debito versati, deve essere riportato l’importo dei contributi versati.

Per i committenti iscritti alla gestione separata INPS, denunciati nel flusso Uniemens con i codici 24, 25, 26, 27, 28, 29 e 30 e i cui versamenti sono stati sospesi, le causali contributo rimangono invariate (CXX/C10).

Si ricorda che per avvalersi della rateizzazione del versamento della contribuzione sospesa è necessario inviare all’INPS una specifica richiesta da trasmettere esclusivamente in via telematica.

Per quanto riguarda invece la ripresa dei versamenti dei premi per l’assicurazione obbligatoria, l’INAIL, con circolare 23 del 24/05/2020, conferma i numeri di riferimento già descritti nella circolare del 18/05/2020 da indicare nel modello F24.

Modalità operative

La nuova procedura per la rateizzazione dei modelli F24 (disponibile con specifica licenza aggiuntiva) è raggiungibile al percorso Pratiche – Modello F24 – Rateizza deleghe F24.
Come prima operazione è necessario annullare manualmente gli eventuali flussi telematici delle deleghe da rateizzare eventualmente creati in precedenza, utilizzando la scelta Pratiche – Modello F24 – Flussi F24 Entratel – Archivio flussi oppure Pratiche – Modello F24 – Flussi F24 CBI – Archivio flussi Deleghe F24: selezionare tutte le deleghe e annullare. Per maggiori informazioni sull’annullamento delle deleghe si rimanda all’apposito documento.
Dalla maschera di rateizzazione, dopo aver selezionato l’anno e il mese della delega sospesa, la procedura propone l’elenco delle deleghe rateizzabili. E’ possibile filtrare tali deleghe selezionando l’eventuale filtro e il contribuente.
NB: La rateizzazione deve essere eseguita CON GLI STESSI PARAMETRI per tutti gli F24 sospesi, non possono essere fatte distinzioni tra periodi pena la perdita del controllo sui minimali di versamento.

La Tipologia di rateazione prevede tre possibili scelte:

  • 0 – Nessuna: scelta disponibile per casi “NON COVID”, rateazione generica
  • 1 – COVID 1 periodo (max 4 rate da settembre 2020) se si opta per la rateizzazione dell’intero importo sospeso in massimo 4 rate da settembre 2020.
  • 2 – COVID 2 periodi (max 4 rate nel 2020 + max 24 rate dal 2021) se si opta per il versamento del 50% in un’unica soluzione o più rate a settembre 2020 e il restante in una o più rate (max 24) a partire da gennaio 2021.

I campi “% versata” vengono valorizzati in automatico in base alla scelta della Tipologia di rateazione mentre devono essere valorizzati i campi “Tot. Rate“.

Va inoltre selezionato il numero di riferimento INAIL tra quelli selezionabili all’interno della tendina del campo “N. Rif. INAIL” (come da circolare INAIL n. 23 del 24/05/2020). Dopo aver verificato le deleghe selezionate ed eventualmente modificato il nome della rateazione, procedere con il tasto “OK”.

Per quanto riguarda i versamenti INPS, la procedura verifica la presenza dei codici di sospensione nel DM10 aziendale e ricrea, come da istruzioni, il format indicato con il codice DSOS, la posizione previdenziale e, in coda, il codice sospensione utilizzato. Se all’interno della delega sospesa è presente un versamento INPS DM10, lo stesso non verrà considerato. 

Consultazione Archivio Deleghe

Le deleghe rateizzate sono consultabili al percorso Pratiche – Modello F24 – Archivio deleghe F24. Sono stati implementati quattro nuovi ordinamenti selezionabili dalla scelta dell’albero:

  • “Archivio modello F24 rateizzati alfabetico”,
  • “Archivio modello F24 rateizzati per data”,
  • “Archivio modello F24 rateizzati saldo a zero”,
  • “Archivio modello F24 rateizzati codice alternativo”.

Le deleghe sono divise per anno in base alle scelte precedentemente effettuate e riportano oltre alla delega originale (identificata come delega sospesa sia sulla descrizione che al campo “Sospensione” valorizzato a 1 – Sospensione versamenti dopo la procedura di rateizzazione) anche le deleghe rateizzate suddivise per mese e modelli. Queste ultime nella sezione “1. Dati generali” riassumono nei campi “Rateizzazione” i dettagli della delega originale sospesa. La stampa delle deleghe sospese verrà identificata dalla dicitura “Delega sospesa e rateizzata non effettuare il pagamento!” nel file pdf della stessa negli spazi normalmente riservati alla denominazione della banca.

E’ possibile, sempre dalla maschera “Rateizza deleghe F24”, cancellare tutte le deleghe rateizzate selezionando il campo “Cancellazione deleghe rateizzate”. Successivamente è possibile ripetere l’operazione di rateizzazione.

La procedura per la creazione del telematico rimane invariata rispetto alle operazioni mensili, unica particolarità la possibilità di selezionare solo quelle rateizzate attraverso il filtro.

Precisazioni

  1. Le compensazioni operanti nella delega originale non verranno modificate: la rateazione riguarda solo l’intera delega sospesa, non i debiti e i crediti confluiti in essa;
  2. Le nuove deleghe ottenute dalla rateizzazione NON DEVONO ESSERE MODIFICATE per preservare l’integrità dei riferimenti a quanto presente nella delega originale. E’ altamente sconsigliato introdurre compensazioni tra debiti rateizzati e crediti derivanti da periodi successivi al periodo di riferimento della delega sospesa, pena la totale gestione manuale di qualsiasi attività successiva al versamento;
  3. La rateizzazione opera a livello di singola delega. Conseguentemente, se il versamento sospeso è composto da più deleghe, la procedura genererà per ciascuna rata tante deleghe quante sono quelle sospese (ad esempio, nel caso di versamento sospeso del 16 marzo 2020 composto da 10 deleghe, la procedura genererà 10 deleghe F24 per ciascuna rata).


Related Articles