Come si varia la posizione contributiva INPS del dipendente se passa da impiegato a operaio?

La variazione delle posizioni contributive deve essere fatta operando sempre sulle date di inizio/fine validità. In questo caso è necessario operare come segue:

  1. Chiudere la posizione contributiva attuale impostando la data fine corretta
  2. Duplicare la posizione contributiva anteriore inserendo le nuove date di validità (le stesse devono essere sempre consequenziali) e inserendo come Progressivo Periodo il valore 2.

Se la variazione è solo da impiegato a operaio (o viceversa) è sufficiente variare i seguenti campi:

    1. Pag. 1 – Inquadramento contributi: l’ultimo numero inserito nell’inquadramento contributi fa riferimento alla qualifica: 1 se operaio,  2 se impiegato. Esempio: posizione contributiva “INPS.01.34a.1” se operaio, “INPS.01.34a.2” se impiegato
    2. Pag. 2 – Sigla ctr. q.B DM/10 Inps: Esempio “1210” se operaio, “2210” se impiegato o “1000” se operaio, “2000” se impiegato.
    3. Pag. 2 – Qualifica: operaio o impiegato.

Se varia anche la posizione aziendale, oltre ai tre campi elencati in precedenza sarà necessario variare:

    1. Pag. 1 – Posizione azienda
    2. Inquadramento contributi: in questo caso non varierà solo l’ultimo numero (indicativo della qualifica), ma anche gli altri suffissi che fanno riferimento alla posizione aziendale.